GIMP

Da Skypedia.
Gimp-logo.png
The GIMP
The GIMP, acronimo di GNU Image Manipulation Program, è il programma GNU per la gestione delle immagini. È un software liberamente distribuibile adatto per il fotoritocco, composizione e creazione di immagini. Gimp è un software distribuito con licenza di pubblico utilizzo GNU (GPL) ed è quindi software libero e completamente gratuito. Al contrario di quello che molti pensano GIMP è disponibile sia per Linux, per Mac e per Windows, al momento alla versione 2.4.0.

Anche se è ancora sotto gli occhi di tutti che il software per il fotoritocco più potente è Adobe Photoshop, importanti passi in avanti sono stati fatti proprio dallo snobbato Gimp. Per coloro i quali non sono disposti a spendere anche più di 1000 € per una licenza commerciale del software Adobe, quindi la via di mezzo esiste e anche pienamente performante. Il problema è solo quello di abituarsi all'interfaccia grafica del programma e di inserire i plugin che ci servono.

Proprio per non lasciare indietro gli utilizzatori di Gimp e permettere anche a questi di avere le maggiori funzionalità di Photoshop è nato il progetto PSPI che consente di utilizzare i plugin e i filtri di Photoshop con GIMP. In ogni caso esistono moltissimi script-FU nativi per GIMP e ne potete scaricare una intera collezione direttamente da skydiamond.org.

Inoltre potete trovare tutta la documentazione localizzata in italiano per iniziare da subito a lavorare senza rimpiangere di non avere i programmi commerciali.


Installare gli Script

  • Se si è scaricato uno script, per usarlo è necessario copiarlo o spostarlo nella cartella personale degli script. Questa è definita nelle preferenze: Cartelle → Script.
  • Ricaricate l'elenco usando Filtri → Script-Fu → Rinfresca gli script dalla barra del menu immagine. Ora gli script scaricati dovrebbero apparire in uno dei menu. Se non lo trovate, cercatelo sotto il menu principale dei filtri. Se non appare da nessuna parte significa che deve esserci un qualche tipo di errore nello script (per es. un errore di sintassi).